Ready  Steady  Gooo!!

Dal 5 Settembre riparte una nuova stagione di jiu jitsu brasiliano, in realtà, da buoni disadattati, non ci siamo mai fermati ma siamo rimasti un po’ defilati per lavorare alla nuova stagione. Look rinnovato in accademia e qualche novità negli orari.

Area21 Brazilian Jiu Jitsu:

BJJ Breakfast 7:00-8:00 / Martedì e Giovedì

BJJ Lunch 13:30-15:00 / Lunedì, Mercoledì e Venerdì

BJJ Dinner 20:00-21:30 / Lunedì, Mercoledì e Venerdì

      Bjj nogi (senza kimono) Martedi e                              Giovedì 20:00-21:30

Open Mat (sparring) Sabato 17:00-20:00

 

In sostanza le novità sono queste: il breakfast anticipa di mezz’ora (7:00-8:00). Il nogi  (bjj senza kimono) passa il martedì e il giovedì sera (20-21:30) scompaiono i turni di Martedì e Giovedì a pranzo che diventano open mat e competition training. 

Sempreprafrenteee!!

Campionati italiani 2016

Divertiti e anche soddisfatti i nostri jujiteri di area 21 ai campionati italiani di Firenze. L’ Ultimo impegno agonistico delle stagione ha visto impegnati 8 atleti che hanno totalizzato 7 podi,  5 bronzi e due argenti e moltissime lotte sia di gi e nogi. Di seguito i risultati:
Daniela Mele -58,5 blu bronzo gi e nogi
Daniele Pisu viola -73,500 bronzo nogi e -76 bronzo gi
Massimo fenu -76 viola senior bronzo
Walter Pitzalis -88,3 viola argento
Alfonso Murru -70 blu argento
Belle lotte e buone prestazioni anche per i nostri atleti Emanuele Frongia e Luca Palmas che non sono arrivati al podio ma hanno lottato comunque molto bene. Sempreprafrente!!

image

Campionati italiani 2016

Divertiti e anche soddisfatti i nostri jujiteri di area 21 ai campionati italiani di Firenze. L’ Ultimo impegno agonistico delle stagione ha visto impegnati 8 atleti che hanno totalizzato 7 podi,  5 bronzi e due argenti e moltissime lotte sia di gi e nogi. Di seguito i risultati:
Daniela Mele -58,5 blu bronzo gi e nogi
Daniele Pisu viola -73,500 bronzo nogi e -76 bronzo gi
Massimo fenu -76 viola senior bronzo
Walter Pitzalis -88,3 viola argento
Alfonso Murru -70 blu argento
Belle lotte e buone prestazioni anche per i nostri atleti Emanuele Frongia e Luca Palmas che non sono arrivati al podio ma hanno lottato comunque molto bene. Sempreprafrente!!

image

10 motivi che indicano dipendenza da BJJ.

10 motivi che indicano dipendenza da BJJ. Riproponiamo una riflessione divertente di un nostro studente, ormai colonna storica di area21,  Massimo Fenu.
image

1 Meteoropatia. Sei felice con il sole e il caldo, triste con la pioggia e l’umido. Non importa se detesti il caldo e sudare. Il tuo Kimono si asciuga prima.

2 Fermi al semaforo rosso.  Pensare all’ultima finalizzazione eseguita in palestra abbassa la tua reattività al verde del semaforo. Una tradizione tutta italiana che perdi senza possibilità di recupero.

3 Spaventi i normali.  Parlare di strangolamenti è per te la cosa più normale del mondo… ed è anche divertente. Gelo quando usi l’argomento in contesti o con persone fuori dell’ambito della palestra.

 4 Dipendenza fisica.  Lottare da dipendenza fisica. Se non pratichi ti manca. Molto. Vi siete mai chiesti perché non esistono kata nel BJJ? Perché sarebbe come nuotare senz’acqua.E tu di quell’acqua hai bisogno.

 5 Chi ha paura del tipo grosso?  Non guardi più se il tuo avversario è grosso e muscoloso. Guardi la cintura e i gradi. Poi guardi le toppe che segnalano la scuola di appartenenza. Qualsiasi ragazzetto pelle e ossa può farti piangere come una ragazzina se è tecnicamente superiore.

6 Comodi a terra.  Stare seduti a terra diventa molto comodo. Eravate l’orgoglio di mamma e papà quando avete iniziato a camminare. Ora apprezzate di nuovo il sapersi muovere al suolo e le molteplici possibilità che offre.

7 Effetto pitone. Si dice che la fretta è cattiva consigliera. Sicuramente. Ma il punto è che combattere di fretta è poco divertente e poco efficace. Scardinare la difesa dell’avversario pezzo per pezzo. Chiudere la morsa in un’azione che preveda diverse possibilità di finalizzazione. Infine lanciare l’attacco decisivo. Calmi e inesorabili come un pitone.

8 Goliardia. Scientifico nella tecnica, estroso nella pratica. Il BJJ è un grande esempio di come elementi estremamente distanti possano convivere e intrecciarsi assieme. Puoi essere un signor perfettino nella vita di tutti i giorni ma sul tatami sei parte del branco.

9 Orgogliosi di un pezzo di stoffa. Per la fatica che ci vuole a guadagnarsi i gradi, si diventa particolarmente orgogliosi della propria cintura. Non in termini di ostentazione ma di rispetto verso il percorso che rappresenta. Così, malgrado chiunque possa comprarsi la cintura che vuole, prendersene una di un grado superiore senza meritarla è una specie di tabù. Un po’ come fare la cacca in strada. Sconvolti dall’ultima frase? Rileggete il punto 8.

10 Arricchimento del vocabolario. Vocaboli che nell’arco di due mesi reputi assolutamente normali: girare, battere, asfaltare, mettere in lavatrice, prendere schiena, chiudere in guardia, passare, stabilizzare, finalizzare, berimbolo (oddio!), raspare, uscite di bacino, esgrima, baiana, prese, calza, tasca. Non vi fidate se alcune sono parole che conoscete. Sul tatami significano tutt’altro.

image